YmaxConsulting On-line Marketing low cost… se vuoi tutto al minor costo

Identificaree contrastare le frodi sui clic

Identificare e contrastare le frodi sui clic

Identificare e monitorare esempi di frodi sui clic è il primo passo per eliminare il problema, la frode dei clic è un enorme drenaggio delle risorse degli inserzionisti che operano su scala nazionale e internazionale, che si stima occupino circa il 30% di tutta la spesa pubblicitaria pay per click.

Con così tanto in gioco, non c’è da stupirsi che i motori di ricerca stiano investendo così tanto tempo e sforzi nell’ideazione di soluzioni.

Un modo in cui i motori di ricerca e altri fornitori di programmi pay per click hanno tentato di frenare il crescente problema delle frodi sui clic è l’introduzione di algoritmi di ripetizione degli indirizzi IP.

Queste formule sono progettate per rilevare modelli di clic sospetti provenienti da un singolo indirizzo IP, che possono aiutare a scoprire l’esistenza di “click farm” e sabotaggi guidati dalla concorrenza, nonché identificare potenziali truffatori alla fonte.

Tuttavia, esiste una serie di problemi con questo metodo per tentare di identificare i truffatori in primo luogo, i truffatori che accedono tramite un modem dialup, una linea DSL o un modem via cavo possono ignorare quasi completamente questo controllo, poiché ad ogni nuova sessione online viene generato un nuovo indirizzo IP. Inoltre, è disponibile un’ampia gamma di software per modificare gli indirizzi IP, che possono essere utilizzati nuovamente per "imbrogliare" l’algoritmo.

I cookie e il monitoraggio delle sessioni sono altri metodi con cui i motori di ricerca possono tentare di scoprire potenziali attività fraudolente, ma ancora una volta ci sono modi per aggirare questi problemi per i truffatori.

È in fase di sviluppo un software più completo che profila e riporta le abitudini di navigazione di ogni click-through per consentire alle aziende di tracciare e monitorare comportamenti sospetti, sebbene questo possa essere visto da molti come intrusivo e inefficace come è ancora probabile che qualsiasi cosa su piccola scala possa passare inosservato, sulla base della vasta copertura di annunci su Internet.

Il problema della frode sui clic ha recentemente colpito i titoli dei giornali con un’azione collettiva contro Google, che ha spinto il più grande motore di ricerca del mondo a offrire $ 90 milioni come potenziale accordo.

Forse in un’ottica di accettazione delle responsabilità, l’offerta di Google suggerisce in qualche modo l’entità della frode sui clic e i suoi enormi costi per l’economia di Internet.

Esistono numerosi rimedi di auto-aiuto che possono essere implementati per tenere un’organizzazione fuori dai guai, il primo di questi rimedi è affidarsi all’ottimizzazione dei motori di ricerca e agli elenchi organici.

Se un sito è ottimizzato completamente e bene, alla fine potrebbe realizzare una classifica per la quale un altro sito è disposto a pagare $ 2,50 per clic, allo stesso modo, con classifiche organicamente alte non ci sono percentuali di clic, quindi i costi associati al PPC non sono applicabili.

Sebbene il processo sia significativamente più laborioso e richieda molto più tempo per vedere i risultati, il processo SEO è molto più economico a lungo termine e con una stima del 25-30% di tutti i clic eseguiti in modo fraudolento, un elenco organicamente alto può far risparmiare denaro che potrebbero altrimenti essere svuotati dalla frode dei clic per un reinvestimento più vantaggioso.

Anno dopo anno, poiché il mercato pubblicitario pay per click continua a crescere ed espandersi, sicuramente le frodi sui clic seguiranno l’esempio a meno che non venga sviluppato e implementato con successo un mezzo efficace per prevenire la frode dei clic, gli acquirenti perderanno costantemente la fiducia nel mezzo pubblicitario e si rivolgeranno a metodi di marketing più efficaci e meno dispendiosi, che colpirebbero seriamente i motori di ricerca e potrebbero potenzialmente minacciare l’economia online come un totale.

Ci rivediamo al prossimo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *